Biomassa

 

faviconvara

Vara Impianti

La biomassa vegetale e’ la materia che costituisce le piante. L’energia in essa contenuta e’ energia solare immagazzinata durante la crescita per mezzo della fotosintesi clorofilliana. Per questo motivo le biomasse, se utilizzate all’interno di un ciclo continuo di produzione-utilizzazione, sono una risorsa energetica rinnovabile e rispettosa dell’ambiente.

Bruciando gas o gasolio per riscaldarsi si trasferisce e si accumula nell’atmosfera carbonio prelevato dalle profondita’. del sottosuolo, contribuendo in tal modo all’effetto serra. Viceversa, la combustione di biomassa non da’ alcun contributo netto all’effetto serra, perche’ il carbonio che si sprigiona bruciando il legno proviene dall’atmosfera stessa e non dal sottosuolo.

Secondo uno studio condotto dall’ENEA, attualmente le biomasse contribuiscono in Italia a meno del 2% del fabbisogno energetico primario. Tale contributo e’ largamente al di sotto del potenziale disponibile, ed e’ in gran parte dato da legna da ardere utilizzata in caminetti e stufe, spesso obsoleti e poco efficienti.

Al contrario, le tecnologie per l’utilizzazione dei combustibili vegetali in impianti di riscaldamento domestici hanno segnato negli ultimi anni grandi progressi, e hanno raggiunto livelli di efficienza, affidabilita’ e comfort del tutto simili a quelli degli impianti tradizionali a gas o gasolio.

Le tipologie di caldaie sono fondamentalmente tre, sulla base delle tre principali categorie di combustibili vegetali:

– legna da ardere in ciocchi,

– legno sminuzzato (cippato),

– pastiglie di legno macinato e pressato (pellet).

Riscaldarsi con le biomasse non fa solo bene all’ambiente ma anche alle proprie tasche, perche’ a parita’ di calore prodotto i combustibili vegetali costano molto meno rispetto a quelli fossili.